PROGNOSTIC FACTORS FOR SURVIVAL OF MEN1 PATIENTS WITH DUODENOPANCREATIC TUMORS METASTATIC TO THE LIVER: RESULTS FROM THE DMSG STUDY GROUP.

L'Associazione Italiana Neoplasie Endocrine Multiple di tipo 1 e 2 - AIMEN 1 e 2 - è un'associazione di volontari che si è costituita nel settembre del 1998

PROGNOSTIC FACTORS FOR SURVIVAL OF MEN1 PATIENTS WITH DUODENOPANCREATIC TUMORS METASTATIC TO THE LIVER: RESULTS FROM THE DMSG STUDY GROUP.

22 Febbraio 2017 Letteratura 0

Conemans EB, Nell S, Pieterman CR, de Herder WW, Dekkers OM, Hermus AR, van der Horst-Schrivers AN, Bisschop PH, Havekes B, Drent ML, Vriens MR, Valk GD.
Endocr Pract. 2017 Feb 22. doi: 10.4158/EP161639.OR. PMID: 28225311

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28225311

I tumori neuroendocrini Duodenopancreatici (DP-NET) si sviluppano nella maggior parte dei pazienti con neoplasia endocrina multipla tipo 1 (MEN1) e sono la principale causa di morte.

La sopravvivenza globale e i fattori prognostici per i pazienti con metastasi epatiche da DP-NET non sono noti.

Realizzazione di uno studio di coorte utilizzando la banca dati nazionale olandese MEN1, che comprende  più del 90% della popolazione MEN1olandese tra 1990-2014.

Circa il 56% dei pazienti MEN1 (n = 220) sono stati diagnosticati con un DP-NET di cui 34 (15%) hanno sviluppato metastasi epatiche da DP-NET. L’età media al momento della diagnosi delle metastasi epatiche era di 53 anni [range 31-74].

Di questi pazienti, dopo un follow-up mediano di 4 anni [range 0.3-12.3] 16 pazienti (47%) erano deceduti. Dopo 2, 5, 10 anni la sopravvivenza globale era rispettivamente di 91%, 65% e 50%.

Una tendenza verso una sopravvivenza ridotta è stata osservata nei pazienti con molteplici metastasi epatiche rispetto ai pazienti con metastasi epatiche solitarie (59 vs 83%, p = 0.09).

Nonostante il corso piuttosto indolente delle metastasi epatiche dei DP-NET nei pazienti MEN1, la metà della popolazione era deceduto dopo 10 anni.

Le caratteristiche tumorali alla diagnosi di metastasi epatiche sono possibili fattori prognostici per la sopravvivenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.